Na botta, roi fucétele

Una divertente storiella in dialetto raccontato da Zé Peppa – Castelluccio

Na botta, roi fucétele, racconto tratto dal fascicolo “I cunti r’ ‘a nonna” pubblicato nel 1995 a cura del gruppo Donna Più, della Pro Loco “Monti Alburni” con il patrocinio del Comune di Sicignano.

Ng’era na mamma ca jía fore a fateà, tutt’ ‘e journe jía a zappà’. Lassava â casa ‘o ‘uagliuncieddu chiù gruosso pe li fà’ ‘uardà’ ‘a joccola cu ‘i prucini, si no se re mangiava ‘o nigliu.
Ind’a â vernata avía accisu ‘u puorco e avía accuvato re sauzecchie ind’a na ciarlettedda sott’ ô lietto pecché nun tenía stipi.
‘A puvuredda, prima re se ne jé’, avía ritto o figlio ca ind’ â ciarlettedda nc’era ru veleno e nu nce avía jé a tuccà’, si no muría.
‘O figliu, rumasto sulu, pe ghié’ a pazzià’ senza penzieri cu ‘i cumpagni, penzatte r’attaccà’ tutt’ ‘i prucini â joccola cu nu zuccarieddu, accussì ‘u nigliu nun se re pigliava. Venette ‘o nigliu, s’acchiappatte ‘a joccola cu tutt’ ‘i prucini appisi e se re purtatte.
‘O ‘uagliuncieddu s’arrannava, nun sapía comme r’avía rece â mamma ‘a sera.
Quanno turnatte ‘a mamma, nun truvava cchiù ‘u fugliu e cercatte pe tutte re parte.
Roppo tanta tiempo, sentette na voce:
«Uó mà, so’ ccà»
«Addò?»
«Sott’ ô lietto»
«E che fai lloco?»
«M’aggia ‘mbelenato»
«E pecché?»
«Pecché ‘o nigliu s’è mangiato ‘a joccola cu tutt’ ‘e prucini e i’ m’aggio mangiato ‘o veleno ind’ â ciarlettedda. Voglie muré!»
«Oj vita mia! Nu bastavano ‘i prucini cu ‘a joccola, pure re sauzecchie!»

Zé Peppa – Castelluccio

Traduzione

Letteralemente: Con un solo colpo, due beccafico.

C’era una mamma che andava in campagna a lavorare, tutti i giorni andava a zappare. Lasciava a casa il ragazzo più grande per fagli guardare la chioccia con i pulcini, se no se li mangiava il nibbio. In inverno aveva ucciso il maiale e aveva nascosto le salsicce in un piccola giara sotto il letto perché non aveva armadi. La poverina prima di andarsene aveva detto al figlio che nella piccola giara c’era del veleno e che non doveva toccarlo sennò sarebbe morto. Il figlio, rimasto solo, per andare a giocare con gli amici, pensò di attaccare tutti i pulcini alla chioccia con una cordicella, così il nibbio non se li prendeva. Ma venne il nibbio e si prese la chioccia con tutti i pulcini attaccati e se li portò via. Il ragazzo si disperava, non sapeva come dirlo alla mamma la sera. Quando tornò la mamma, non trovava più il figlio e cercò dappertutto. Dopo tanto tempo sentì una voce:
«Mamma, sono qua»
«Dove?»
«Sotto il letto»
«E che fai lì?»
«Mi sono avvelenato»
«E perché?»
«Perché il nibbio si è mangiato la chioccia con tutti i pulcini e io ho mangiato il veleno nella giara. Voglio morire!»
«Oh vita mia! Non bastavano i pulcini con la chioccia, anche le salsicce!»