U’ munacieddu

Lo spiritello col cappello rosso che porta fortuna e guai

Munacieddu o Munaciello, letteralmente piccolo monaco, è una figura che fa parte della tradizione popolare di molti paesi compreso Sicignano. Si tratta di uno spiritello di bassa statura, vestito con un saio e un cappello rosso che appare nelle abitazioni ma che non tutti riescono a vedere. In cambio di un po’ di cibo porta favori, soldi e fortuna,  ma mai rivelarne il segreto! Allora si che sono guai!

U’ munacieddu, racconto tratto dal fascicolo “I cunti r’ ‘a nonna” pubblicato nel 1995 a cura del gruppo Donna Più, della Pro Loco “Monti Alburni” con il patrocinio del Comune di Sicignano.

Int’ ‘a na casa ncoppa Santu Matteo nc’era nu munacieddu ca facía crésce’ r’uoglio int’ â ciarla.  A’ padrona r’’a casa nu juorno jette int’ ô suttano pe piglià r’uoglio e truatte ‘a ciarla chiena e r’uoglio ca se jettava pe coppa. ‘A sfrattate.
Roppo rui juorni, jette n’ata vota e succerette ‘o stesso fatto. E accussì n’ata vota ancora.
A femmena capette ca ‘u munacieddù ru facía créscé e quanno facía i’ cavatielli nce ne lassava nu piatto ‘nnanzi ‘o cacciafumo. Nu juorno tutta cuntenta facette ‘o fatto â socra e chesta nce resse:
«Nun puozzi passà’ mai ‘uai! Tu, nun r’avía rece pecchè mo’ra nanti ‘u munacieddu nun vene cchiù!».
Chera femmena roppo pocco tiempo se ne jette ra Sicignano e int’ ‘a chera casa nce jette n’ata famiglia.
Nu juorno zè Maria Antonia, na vicina re casa, addummannatte a padrona si n’era ‘o munacieddu.
A femmena recette:
«Nun nc’è nu munacieddu, nc’è nu sorece ca ogne vota ca mariteme ‘o vole accéré, se ne vaje ‘a luce e ‘a notte me face rispietti. Se piglia chero ca tengo re cchiù caro. L’ata notte mettiette ‘o cammisieddo r’ ’o picciotto, tutt’arricamato, âssugà vicino ru fuoco, ‘a matina appriesso nun ‘o truvai cchiù. N’ata vota me lassate nu cauzettino e l’ato s’’u purtatte  e n’ata vota ancora se purtatte na fascia re mariteme e n’ata m’ ‘a lassatte.»
 O surece  atu nun era ca ‘o munacieddu ca a prima sera assía e nun facía ‘uai si nisciunu ‘o ncuietava.

Zè Rituccia e Zé Matalena – Sicignano

Traduzione

In una casa sopra San Matteo (rione di Sicignano) c’era un monaciello che faceva aumentare l’olio nella giara. La padrona di casa un giorno andò in cantina per prendere l’olio e trovò la giarà talmente piena che l’olio traboccava da sopra. La svuotò.
Dopo due giorni, andò di nuovo e successe la stessa cosa. E’ così ancora un’altra volta.
La donna capì che il monaciello lo faceva aumentare e quando faceva gli gnocchi glie ne lasciava un piatto davanti al camino. Un giorno, tutta contenta, raccontò l’accaduto alla suocera che le disse:
«Che non ti succeda mai niente di male (non possa mai avere guai)! Tu non lo dovevi dire perché da adesso in avanti il monaciello non viene più! ».
Quella donna dopo un po’ di tempo se ne andò da Sicignano e in quella casa andò a vivere un’altra famiglia.
Un giorno zia Maria Antonia, una vicina di casa, chiese alla padrona se c’era il monaciello.
La donna rispose:
«Non c’è un monaciello, ma c’è un topo che ogni volta che mio marito lo vuole uccidere, se ne va la corrente e la notte mi fa i dispetti. Si prende quello che ho di più caro. L’altra notte misi il camicino del bambino, tutto ricamato, ad asciugare vicino al fuoco, e la mattina dopo non lo trovai più. Un’altra volta mi lasciò un calzino e l’altro se lo prese, e un’altra volta ancora portò via una fascia di mio marito e l’altra me la lasciò. ».
Il topo non era altro che il monaciello che a prima sera usciva e non combinava guai se nessuno lo infastidiva.