‘A Cummara

Una visita molto breve...

'A Cummara

‘A Cummara racconto tratto dal fascicolo “I cunti r’ ‘a nonna” pubblicato nel 1995 a cura del gruppo Donna Più, della Pro Loco “Monti Alburni” con il patrocinio del Comune di Sicignano.

Era male tiempo, na vicina re casa jette a truvà’ ‘a cummara.
Chesta avìa fatt’ ‘a pizza e nun ‘a vulìa rà’ a nisciuno.
Ment’accussì, ‘a cummara trasette e jedda s’assettatte ngopp’ â pizza, pe nu nge’ a rà’ e accumenzatte a décé:
«Chiove e male tiempo face, â casa re l’ate nun se pote stà’!»
‘A cummara furba respunnette:
«I’ me ne vaco e nun me ne curo, basta c’ ‘a pizza caura nun te coce ‘o culo.»

Zé Fuluccia – Sicignano

Traduzione

Era brutto tempo, e una vicina di casa andò a trovare un’amica (comare).
Questa aveva fatto la pizza e non ne voleva dare a nessuno.
Nel frattempo l’amica (la vicina) entrò e lei si sedette sulla pizza per non dargliene e iniziò a dire:
«Piove e c’è brutto tempo, a casa degli altri non si può stare!»
L’amica (la vicina) furbe le rispose:
«Io me ne vado, e non me ne curo, basta che la pizza calda non ti scotti il sedere!»