‘O Canerce

L'avaro

O Canerce

‘O Canerce, racconto tratto dal fascicolo “I cunti r’ ‘a nonna” pubblicato nel 1995 a cura del gruppo Donna Più, della Pro Loco “Monti Alburni” con il patrocinio del Comune di Sicignano. Canerce nel dialetto locale significa avaro.

Nc’era nu viecchio ca era accussi canerce
Ca nun facìa cumpagnia pe nu ‘nvità.
Chiste, quanno passava coccuruno
Annanzi â porta, ricìa:
«Favoriti e nun trasíti,
pane ruttu nun tuccati
pane sano nun spartiti
favuriti e nun trasiti.»
Accussì stía sempe ra sulo c’ ‘a robba sua.

Zé Fuluccia – Sicignano

Traduzione:

C’era una volta un vecchio che era così tirchio
che non voleva stare insieme agli altri per non invitare.
L’uomo, quando passava qualcuno
davanti la porta diceva:
Favorite e non entrate
pane rotto non toccare
pane interno non dividete
favorite e non entrate»
Così stava sempre da solo con la sua roba