Le Janare

Donne di giorno, streghe di notte

Janare

Le Janare racconti tratti dal fascicolo “I cunti r’ ‘a nonna” pubblicato nel 1995 a cura del gruppo Donna Più, della Pro Loco “Monti Alburni” con il patrocinio del Comune di Sicignano. Secondo la credenza popolare la Janara corrisponde alla figura di una strega maligna e vendicativa che si manifesta di notte mentre di giorno è una donna indistinguibile dalle altre.

Primo racconto di Zè Pascalina di Sicignano

Nc’era na vota, tanta tiempo fa, na janara ca se chiamava Palianedda. Nu juorno nu picciotto re sette otto anni ‘a ncuiatatte. Quanno fu ‘a notte jedda ‘o pigliatte e ‘u mettette ind’ ‘o stapieddo e iddo alluccava. ‘A mamma ‘o sentette e recette:
«Pecchè allucchi?»
«Curri ma’, ca m’hanna miso ind’ o stappiede.»
«Chi he ‘ncuiatate ajeri?»
«Palianedda»
Ra chiru juorno ‘o picciotto rumanette c’ ‘a scatubba.

Traduzione

C’era una volta tanto tempo fa una janara che si chiamava Palianedda. Un giorno un bambino di sette o otto anni le diede fastidio. Quando fu notte, lei lo prese e lo mise in uno stappiede (misura di legno di forma cilindrica corrispondente ad 1/8 di tomolo, misura locale per indicare 40 kg) mentre lui urlava. La mamma lo sentì e disse:
«Perché gridi?»
«Corri mamma, mi hanno messo nello stapiedde»
«A chi hai dato fastidio ieri?»
«Palianedda»
Da quel giorno il bambino rimase con la gobba.

Secondo racconto di Zè Maria dei Casali

Na notte sei janare se truatteno p’ ‘a via r’ ‘o Pustiglione. Cammenanno, cammenanno, alluccaveno e vattiveno a tutte chiri ca ‘ncuntraveno. Veretteno n’ommeno ind’ â macchia e subbeto ‘o retteno nguoddo. E muzzeche, tirare re capiddi, chi tirava ra ccà, chi tirava ra ddà, fin’a quanno ‘o scumattene a sango!
‘O poveriedde jìa sule recenno:
«Lassateme stà!»
Re janare, sfasteriate, recettene:
«Nun te facimmo niente cchiù, si sì capace re ne fà’ rere.»
‘O Pustigliunese, allora, cantatte stu papuocchie:
«Abballa, abballa mastu Peppe,
erene sei e mo’ simmi sette.
Si me nn’esco ra ste botte,
nun esco cchiù a cacà ‘e notte.»
Accussì re janare se ne jetteno a truvà’ cocchurun’ate, pecchè stu papuocchie nce piacette assaje e re facerre rere.

Traduzione

Una notte sei janare si trovavano per la strada di Postiglione.
Camminando, camminando, gridavano e picchiavano tutti quelli che incontravano. Videro un uomo in un cespuglio e subito gli diedero addosso. E morsi, tirare di capelli, chi tirava di qua , chi tirava di là, fino a quando gli fecero uscire il sangue dal naso. Il poveretto diceva soltanto
«Lasciatemi stare!»
Le janare, infastidite, dissero:
«Non ti facciamo più niente, se sei capace di farci ridere»
Il Postiglionese, allora, canto questa filastrocca
«Balla Balla Mastro Peppe
Erano sei e mo siamo sette.
Se me ne esco da queste botte
Non esco più fuori la notte.»
Così le janare se ne andarono a trovare qualcun altro perché questa filastrocca gli piacque molto e le fece ridere.