Pensieri e parole

Condividi la tua poesia o scrivi un messaggio di auguri

Se ami scrivere poesie e canzoni ed hai voglia che gli altri abbiano la possibilità di leggerle ed apprezzarle, scrivici utilizzando il modulo contatti o inviaci una mail a info@scoprisicignano.it per chiedere la sua pubblicazione.

Le occasioni da festeggiare sono tante: una nascita, un compleanno, un matrimonio, una laurea… fai gli auguri o scrivi una dedica attraverso la sezione Commenti.

Poesie in vernacolo di Antonio Scarpone

U Uauru

U Uauru è nu paisiéllu ca se trova mmiènzu a ‘na vadda
e daì l’impréssione re chère grosse città
ca so’ divise a ddoi ra nu fiume:
o Uauru ng’è u “Uaddone”.

Ra ciènt’anni a chèsta parte u Uauru è cchiù o méne ‘o stèss,
ma mèntre prima era abitate ra tanta ggènte,
e parìa chisà quant’avìa ruventà,
oi sémbra ca prima o poi adda fenèsce.

È nu vèru peccate ca s’è duvute arreduce accussì…
Sémbra proprie ca chi putìa fa coccosa p’l’evità ‘sta fine
a nu cértu puntu nun se n’è futtutu cchiù!
Pérò u Uauru è sèmpe bèllu.

Tène pure ‘na storia tutt’a sua,
fatta c’u surore, u lavore e i sacrifici
ri cuntadini ca se ne iènne fore c’u ciucciu
e fateavene r’a matina a sera!

Ma re tutte chèste, e nun è poche,
sèmbra ca nun è rumastu cchiù niénti
ind’a mémoria re chiri ppochi
ca ancora oi nge vivene.

Quanne chiove nun ng’è mai nisciunu ‘Ngoppa u Ponte
e l’acqua scènne abbasce pe re viè
ra ‘Ngapeluauru a Mienz’u Chiane:
ma è sèmpe béllu u Uauru.

Attuorne so’ tutti voschi vérdi
e arrète nge so’ re muntagne grosse e bélle,
spéce a vièrne, quanne se cummogliene re nève
e ruèntene tutte ianghe.

Quanne siènti i cunti r’i vicchiariéddi
quanta génte siènti annumenà,
génte ca oramai nun ng’è cchiù:
ma quanti re nui r’amma cunusciute?

È béllo pérò penzà
ca sperdutu ‘mmiènz’u Munnu
ng’è pure u Uauru:
che béllu paèse ca è u Uauru.

Traduzione: Galdo

Galdo è un paesino che si trova in una vallata
e dà l’impressione di quelle grandi città
che sono divise in due da un fiume:
a Galdo c’è il “Torrente”.

Da cento anni in qua Galdo è più o meno uguale,
ma mentre prima era abitato da tante persone,
e sembrava chissà quanto dovesse diventare,
oggi sembra che prima o poi è destinato a finire.

È un vero peccato che si sia ridotto così…
Sembra proprio che chi avrebbe potuto fare qualcosa per evitargli di finire
ad un certo momento non se n’è fregato più!
Però Galdo è sempre bello.

Ha pure una storia tutta sua,
fatta col sudore, il lavoro ed i sacrifici
dei contadini che se ne andavano in campagna con l’asino
e lavoravano dall’alba all’imbrunire!

Ma di tutto questo, e non è poco,
sembra che non sia rimasto più nulla
nei ricordi delle poche persone
che ancora oggi ci vivono.

Quando piove non c’è mai nessuno sul Ponte
e l’acqua scende giù per le vie
da Galdo Alta a Galdo Bassa:
ma è sempre bello Galdo.

Intorno vi sono tutti boschi verdi
e dietro ci sono le montagne grandi e belle,
soprattutto in inverno, quando si coprono di neve
e diventano tutte bianche.

Quando ascolti il racconto di un vecchietto
senti nominare tante persone,
persone che ormai non ci sono più:
ma quanti di noi le abbiamo conosciute?

È bello però pensare
che sperduto nel Mondo
c’è anche Galdo:
che bel paese che è Galdo.

1992

‘A vernègna (Viva u vinu!)

 Ng’è state chi s’è préoccupate re chiantà ‘a vigna
e chi, ogni anne, r’a zappà, putà e cunzà,
po’ r’a ramà e r’a ‘nzulfà;
ma u iuornu cchiù bèllu è chiru r’a vernègna!
Ognune ind’a vigna cu ‘a forbici sua mmane,
tutti a préoccuparse re fenèsce prima re l’ati l’ordine ca l’è tuccate
e coccarunu, ca ng’è sèmpe, c’allucca “accugliti r’acini pe tèrra”,
e vène a ‘mmènte, cumm’ind’a nu suonnu,
quanne s’accugglìa l’uva ind’i cupièddi
e se purtavene c’u ciucciu ‘uttaru…
Accota l’uva ind’a re cascètte
e mèse ngoppa u motozzappa
tutti ‘uttaru: “aiutàti a scarecà!”,
“chi gira ‘a rota? chi scazza l’uva?”…
E subbite ’addore r’o mustu vai alariu!
Almène rui a trè provene ‘a lacrima,
sèmpe ‘o stèsse allucca ca “s’adda preparà ‘acquata![1]”,
e coccarunu accoglie re raspaglie e nge mèna nu poche r’acqua,
e i cchiù viècchi se ricordene re quanne faciènne pure ‘o spaccatièlle[2]!
Po’ s’adda vascià ‘a venazza, matina e sèra,
fine a quanne u mustu nun fenèsce re revodde,
e allora tutti a caccià ‘o vinu ra u tinu,
ruacà ‘a venazza ind’o strengeture, scartà i griddi
e po’ butti, buttigliuni e damiggiane!
Mù adda sulu maturà…
E allora sì ca puoi rèce ca è pronte u vinu:
e ‘ianche o russe ca sia,
quanne fai nu brindisi, è sèmpe allégria!


[1] ‘Acquata: bevanda ottenuta aggiungendo un po’ d’acqua a dei raspi del mosto e lasciata fermentare per 1 giorno.

[2] ‘O spaccatièlle: acqua aggiunta al mosto, in proporzione di 2 parti di vino e una d’acqua, e fatto fermentare il tutto normalmente.

Traduzione: La vendemmia (Viva il vino!)

 C’è stato chi si è preoccupato di impiantare il vigneto
e chi, ogni anno, di zapparlo, potarlo e sistemarlo,
e poi di dargli il verderame e lo zolfo;
ma il giorno più bello è quello della vendemmia!
Ognuno nel vigneto con le proprie forbici in mano,
tutti a preoccuparsi di finire prima degli altri il filare che gli era toccato
e qualcuno, che c’è sempre, che grida “raccogliete gli acini per terra”,
e torna in mente, come in un sogno,
di quando si raccoglieva l’uva nei mastelli
che si portavano  a dorso dell’asino in cantina…
Raccolta l’uva nelle cassette
e ripostole sul motozappa
tutti in cantina: “aiutate a scaricare!”,
“chi gira la ruota? chi pigia l’uva?”…
E subito l’odore del mosto s’inebria nell’aria!
Almeno un paio assaggiano il “primo mosto”,
sempre lo stesso urla che “bisogna preparare l’acquerello!”,
e qualcuno raccoglie dei raspi e vi aggiunge dell’acqua,
e i più anziani rammentano di quando preparavano anche il mezzovino!
Poi bisogna fare la follatura, al mattino e alla sera,
fino a quando il mosto non smette di fermentare,
e allora tutti a travasare il vino dal tino,
versare la vinaccia nel torchio, scartare i vinaccioli
e poi botti, bottiglioni e damigiane!
Adesso deve solo maturare…
E allora sì che si può dire che è pronto il vino:
e bianco o rosso che sia,
quando fai un brindisi, è sempre allegria!

Agosto – 3 Dicembre 2005

Cuntadini re ‘na vota r’re tèrre noste

Facce r’o culore r’a térra
arse ra ‘u sole cucènte,
cu l’uocchi ‘ncavati
quasi a vulè mustrà i sacrifici.
Quanta storie teniti ra raccuntà,
storie ca so’ lézzioni re vita.

Scuru ‘a matina iveve fore
e scuru era ‘a sèra quanne v’arritiraveve,
c’u tascappane e ‘accètta,
‘na zappa e ‘a fauci
e ‘o cane pe cumpagnia.
Nu cuntu annanzi ‘u fuculare,
‘na mangiata c’a famigglia
e nu pocu r’tièmpe pe v’arrepusà.

Nun aìta mai pérsu tièmpu:
e mò mièti e po’ vernègna,
po’ accuogli r’aulive
e puta e ara…
Quanne a vièrne chiuvìa
pure sapiveve che ffà,
preanne sèmpe ca ‘u tiempu mantenésse
e nun v’arruinasse ‘annata.

Nun ièreve mai troppe criaturi
né troppe viècchi pe gghiè fore.
Aìta fatte re guérre
sènza capèsce pecché,
ve ne siti iuti ‘América
penzanne sèmpe re ve ne turnà
e accattarve l’ata térra.
Cu vui, macchiuni e voschi so’ duventati giardini.

Quanta sacrifici aìta fatte:
poveri cuntadini nuosti
grazie.

Traduzione: Contadini di un tempo delle nostre terre

Visi del colore della terra,
bruciati dal sole ardente,
con gli occhi incavati
quasi a voler mostrare i sacrifici.
Quante storie avete da raccontare,
storie che sono lezioni di vita.

Buio era al mattino quando andavate in campagna
e buio era la sera quando vi ritiravate,
con lo zaino e l’ascia,
una zappa e la falce
e il cane per compagnia.
Una chiacchierata davanti al camino,
una frugale cena con la famiglia
e un po’ di tempo per riposarvi.

Non avete mai perso tempo:
prima la mietitura e poi la vendemmia,
poi la raccolta delle olive
e quindi la potatura e l’aratura…
Quando in inverno pioveva
pure avevate qualcosa da fare,
pregando sempre che il tempo non peggiorasse
e non vi rovinasse l’annata.

Non siete mai stati troppo piccoli
né troppo anziani per andare in campagna.
Avete combattuto le guerre
senza capire quale ne fosse il motivo,
siete emigrati in America
pensando sempre di tornarvene
e comprare altri terreni.
Con voi, fratte e boschi sono diventati giardini.

Quanti sacrifici avete fatto:
poveri contadini nostri
grazie.

1997 – Luglio 1999

I casalini[1] (r’u Uauru)

Oramai se vèrene sule prète nu poche cupèrte ra frasche,
prète ca coccarunu ‘e mise una ‘ngoppa l’ata
e ognuna è servuta cchiù cca ‘na vota…
Siti spuntati, ngoppa ‘a roccia,
nu pocu accuati, pecché nun v’aiveve fa verè…
Cumm’a r’acena r’uva vicine i spruzzi
ca prima crèscene, maturene e po’,
a poche a poche, se sècchene
e rumanene sule re scorze,
accussì, vui, ddà siti rumasti,
manc’u tièmpu v’e cancellate!
Verènneve oi, sèmbra passate chisà quanta tièmpu,
ma si une nge pènza, nun è passate po’ tanta
ra quanne ng’era ‘na morra re ggènte!

Cumme ve vulèsse verè chini re ggénte,
ma chèste, re sacce, nun è pussibbile,
e allora m’accuntentasse re tène tanta soldi
pe putè costruì nu grattacièlu o biviu…
Sì, pocu luntane r’o cimmitère,
addu reposene tanta re chiri
ca se so’ sèmpe sentute r’Uauru!
E ddà, inda ‘stu grattacièlu, vulèsse purtà,
accussì ca ve putèssene verè ogni matina,
tutti chiri ca tènene nu poche a cchè ffà c’u Uauru:
chi s’è spusate e se n’è gghiute,
chi se n’è gghiute pe fateà
e chi vulèsse ma nun pote turnà…
…e, pecchè no!, pure chi tenésse piacère re ng’venè!

[1] Casalini: sono le abitazioni poste a monte del paese, abbandonate quando molti Galdesi, a cavallo del 1900, emigrarono negli Stati Uniti e in molti non tornarono più.

Traduzione: I casalini (di Galdo)

Ormai si vedono solo pietre un po’ ricoperte dai rovi,
pietre che qualcuno ha messo una sull’altra
e ognuna è servita più di una volta…
Siete sorti, sulla roccia,
un po’ nascosti, perchè non dovevate farvi vedere…
Come gli acini dell’uva vicino ai grappoli
che prima crescono, maturano e poi,
un po’ alla volta, si seccano
e rimangono solo le bucce:
così, voi, là siete rimasti,
neanche il tempo vi ha cancellato!
Vedendovi oggi, sembra passato chissà quanto tempo,
ma se uno ci pensa, non è passato poi molto
da quando c’era un viavai di persone!

Come vorrei vedervi pieni di persone,
ma questo, lo so, non è possibile,
e allora mi accontenterei di avere tanti soldi
da poter costruire un grattacielo al bivio…
Sì, poco lontano dal cimitero,
dove riposano tante di quelle persone
che si sono sempre sentiti di Galdo!
E là, in questo grattacielo, vorrei portare,
in modo che vi vedessero ogni mattina,
tutti quelli che hanno ancora un po’ a che fare con Galdo:
chi si è sposato e se n’è andato,
chi se n’è andato per lavoro
e chi vorrebbe ma non può ritornare…
…e, perché no!, anche chi avrebbe piacere di venirci!

Agosto – 7 Dicembre 2005

Ra zichi

Amma cresciute mmiènze ‘a via
e mmiènze ‘a via sime ruventati uommeni,
accuntentannece re poche.
Chère llonghe gghiurnate
passate ‘asile, vicino ‘o Pennine…
E chèra scola élémèntare
ca parìa rurà chisà quanta tièmpu,
mèntre apprièsse n’amma accorte ca ’u tièmpe
è accummenzate a corre pure pe nnui!
Assièmmi r’a scola,
mangiammi ind’a ‘nu muménte,
nisciune ca se préoccupava re se fa re lézzioni,
e subbite tutti ind’u campe a ghiucà a pallone:
quanta iurnate amma passate a foie apprièssu a ‘nu pallone,
a gghiucà partite ca nun feniènne mai
e qquasi mai sapièmmi quante feniènne…
E po’ foie apprièsse a re lucértule,
acchiappà i capuatti inda u uaddone,
iucà a’ ‘uèrra pe inda o Trale
o fa re capanne re filici ind‘o Pastene…
Quanta cose amma fatte
pe sembrà cchiù gruossi re chère ca ièreme,
sule pe n’attéggià:
chi sfugliava i giurnali spuorchi,
chi fumava,
nu poche tutti ne facièmmi ‘a bbarba
e nun verièmmi l’ora ca ne crescésse!
Quanta vote amma iute a rrubbà ‘a frutta:
cerasa, albicocche, fraule, fiche…
Quanne po’ accummenzammi a gghiè ‘a scola a parte ‘e vasce
scuprièmmi ‘a città
e tutte re cose ne sembravene nove.
E allora parìa necessarie
ca cocche vota avièmma fa filone!
Quanta re nui n’amma pèrse re vista,
e quant’amicizie se so’ pèrse p’a via,
e sule quanne ne fermame a penzà
n’accurgimme c’amma pèrse coccosa r’importante!

Traduzione: Da piccoli

 Siamo cresciuti in mezzo alla strada
e in mezzo alla strada siamo diventati uomini,
accontentandoci di poco.
Quelle lunghe giornate
passate all’asilo, vicino al Pendino…
E quella scuola elementare
che sembrava durare chissà quanto tempo,
mentre in seguito ci siamo accorti che il tempo
aveva iniziato a correre anche per noi!
Uscivamo dalla scuola,
mangiavamo in un momento,
nessuno che si preoccupava di fare i compiti,
e subito tutti nel campo a giocare col pallone:
quante giornate abbiamo passato a correre dietro ad un pallone,
a giocare partite che non finivano mai
e quasi mai sapevamo quanto finivano…
E poi correre dietro alle lucertole,
catturare i girini nel torrente,
giocare alla guerra nelle Petrale
o fare le capanne di felci nei Pastini…
Quante cose abbiamo fatto
per sembrare più grandi di quello che eravamo,
solo per darci delle arie:
chi sfogliava le riviste pornografiche,
chi fumava,
un po’ tutti ci radevamo la barba
e non vedevamo l’ora che ci crescesse!
Quante volte siamo andati a rubare la frutta:
ciliege, albicocche, fragole, fichi…
Quando poi frequentavamo le scuole superiori
scoprivamo la città
e tutte le cose ci sembravano nuove.
E allora ci sembrava necessario
qualche volta marinare la scuola!
Quanti di noi ci siamo persi di vista,
e quante amicizie si sono perse per strada,
e solo quando ci fermiamo a pensare
c’accorgiamo che abbiamo perso qualcosa d’importante!

Novembre 2004 – Maggio 2005

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *